Plumcake "Offline"

Dopo tante ricette “rubate” qua e là da siti Web, ricettari online e blog (anzi super-blog) di altri appassionati di cucina, finalmente una ricetta “Offline”.
Una di quelle che ci si passa tra colleghe, che si arricchiscono con il passaparola (“io ci ho aggiunto quello, io ho tolto quest’altro, provala anche così che è perfetta”) e che – diciamocelo – sono sempre le ricette migliori! 
Sì perchè sul web c’è questa tendenza a pubblicare ricette in quantità industriali, con questo ingrediente e quest’altro, come se le combinazioni possibili tra gli ingredienti fossero infinite. 
E ogni tanto ci si imbatte anche in ricette poco probabili che, ci si chiede spesso, qualcuno avrà mai provato a fare?? 

Ecco allora una ricetta sicura, nata – e cresciuta – fuori dalla rete!


Plumcake Fave e pecorino

 

180 gr di farina
200 gr di fave (fresche o surgelate)
100 gr di pecorino grattugiato
1 arancia non trattata
3 uova
1 scalogno o cipollotto
1 bustina di lievito per torte salate (non lievito di birra!)
1,2 dl di latte
1 dl di olio extravergine

Fare appassire lo scalogno (o cipollotto) in una padella con 2 cucchiai di olio.

Aggiungere quindi le fave surgelate, un pizzico di sale e cuocere a fuoco basso per circa 10 minuti aggiungendo, se serve, un mestolo di acqua calda. A cottura ultimata aggiungere del pepe.

 

In una ciotola, sbattere le uova e aggiungere la farina con il lievito, l’olio rimasto, un pizzico di sale, il latte, il pecorino e la scorza dell’arancia. Unire quindi al composto le fave.

Mescolare e versare in uno stampo da plumcake rivestito di carta da forno.

 

Forno: 180 gradi

Tempo: 45 minuti
Togliere dal forno e lasciare raffreddare.
E’ ottimo come antipasto e accompagnato da affettati.

Questa ricetta si presta a moltissime varianti: provate a sostituire le fave con le zucchine o i fagiolini o aggiungete al composto dei pezzettini di prosciutto cotto o di speck.

Ancora lei.. la Macchina del Pane!

Ebbene sì, visto che in questo periodo (in cui il tempo, come dicevo, è sembrato volatilizzarsi e correre al’impazzata) l’unica a non abbandonarmi è stata proprio lei, dedico il primo post del 2009 a uno degli elettrodomestici più sfruttati dell’anno: la Macchina del Pane!

Pane alle Cipolle caramellate


Ingredienti:

gr. 280 di acqua 
2 cipolle
 
gr. 350 di farina 00

gr. 150 di manitoba
 
1 cucchiaino di zucchero

2 cucchiaini di sale 
1 cucchiaio di olio
 

1 bustina di lievito di birra liofilizzato

Affettare le cipolle e cuocerle in padella con un po’ di olio fino a renderle dorate. 
(se si preferisce una ricetta più leggera, è ovviamente possibile cuocerle con acqua).
Salare e pepare.

Inserire nella macchina del pane acqua, olio, sale e zucchero. Aggiungere quindi le farine e il lievito.

Aggiungere la cipolla caramellata al beep della macchina, in modo tale che non si sciolga ma rimanga a pezzi.

Programma: base 
Crosta: Media

Dimenticavo.. la ricetta è tratta dal ricettario GLF, un’utilissima raccolta di ricette per Macchina del Pane.
Scaricabile a questo indirizzo http://digilander.libero.it/olrac2/glf.zip

Pastacrolla è tornata!!!!

Ebbene sì, ci abbiamo messo qualcosa tipo 12 mesi (l’ultimo post, per altro non mio, risale ad aprile 2008!) ma ce l’abbiamo fatta..
Imbracciate le arm.. ehm.. i mestoli, sono tornata in cucina e mi sono rimessa all’opera!

No, chiariamoci, non è che in questi 11 mesi si sia vissuti tra McDonald (bleah) e rosticcerie (mai!) o si sia seguita una dieta ferrea (ah ah ah) ma semplicemente..
il tempo a disposizione si era improvvisamente vo-la-ti-liz-za-to.


Eh si, mentre le nostre pance (si perchè nel frattempo le bocche da sfamare sono diventate due) si riempivano.. Pastacrolla si prosciugava.

RIMEDIAMO SUBITO!!