Regola numero 3: non si butta via niente

Non preoccupatevi, non mi sono data alla cucina con gli scarti (non ancora, per lo meno) che sembra andare tanto di moda fra le food blogger. 
E nemmeno sto per fare un elogio alle mense che riescono a creare catene virtuose lunghe settimane in cui la scaloppina al vino bianco si trasforma magicamente in polpettone che poi diventa zucchina ripiena per finire in una fantastica pasta pasticciata.

E’ che in effetti, lo ammetto, il blog e il libro di Lisa Casali, Ecocucina.org, mi hanno incuriosito.
E per una volta, all’insegna del grido Fà la cosa giusta, vorrei provare a non buttare quei miseri avanzi che ogni sera inevitabilmente restano in pentola.

Ecco allora una ricetta che può essere utilissima quando ci sono degli avanzi ma può benissimo essere realizzata da zero.
Per un aperitivo sano ma gustoso! 

 

Crostini con crema di lenticchie al rosmarino


 

Ingredienti:
100 gr di lenticchie
1 carota
mezzo gambo di sedano
cipolla
rosmarino
Pane: 1/2 baguette
20 gr di burro
olio extravergine
sale e pepe

 Mettere le lenticchie (nel caso non siano avanzate dal giorno prima..) in una pentola insieme a carota, sedano e uno spicchio di cipolla. Salare e portare ad ebollizione.

Cuocere per circa 20 minuti dal bollore (il tempo dipende in realtà dal tipo di lenticchia, nel mio caso erano le buonissime lenticchie piccole di Castelluccio di Norcia).
Aggiungere acqua se necessario.
A coltura ultimata passare le lenticchie al minipimer o con il mixer fino ad ottenere una crema omogenea.

Fare quindi sciogliere 20 gr di burro con il rosmarino tritato in una padella. Unire quindi la crema di lenticchie aggiungendo un po’ di acqua per rendere più fluida la crema.

Tagliare intanto la baguette a fettine non troppo spesse e farle abbrustolire nel forno.
Ancora calde, spalmare sopra ad ogni fettina un velo di burro e la crema di lenticchie.

Guarnire con un filo di olio extravergine di oliva, pepe e qualche ago di rosmarino.

 

Annunci

Regola numero 2: non solo dolci

Non sia mai che qualcuno pensi che sono golosa o che dedico il 95% del mio tempo in cucina a sperimentare ricette di dolci.. Niente di più falso!!!
Al massimo è l’80%… forse l’85% del tempo… ok facciamo cifra tonda e diciamo il 90%.
Ma ogni tanto, giuro, a casa nostra si mangia anche qualcosa di salato!

Ecco allora una preparazione salata, forse per qualcuno non proprio digeribilissima (peccato, mi spiace tantissimo.. per voi) ma assolutamente strepitosa! 
E soprattutto semplice.

Così semplice che l’ho fatta qualche tempo fa, con dosi assolutamente ad occhio, e per la prima volta sarò costretta a scrivere una ricetta senza indicare per filo e per segno le dosi degli ingredienti. 
Lo so, è una cosa ignobile per cui un qualsiasi blog dovrebbe a mio avviso essere radiato dal panorana Internet.
Prometto che non lo faro’ mai più!
Ma per questa volta, purtroppo, va così..


Peperoni imbottiti con uva sultanina, capperi e acciughe

 

Ingredienti:
6 piccoli peperoni
Nel mio caso erano dei peperoni piccoli e un po’ schiacciati scovati al mercato (da GialloZafferano deduco potrebbe essere la varietà di “peperone pomodoro” o Topepo?).
Ammetto che anche la ricetta, non sapendo minimamente come cucinarli ma trovandoli molto invitanti, mi è stata spiegata dalla signora del banco del mercato..
In alternativa possono comunque essere tranquillamente sostituiti con 3 peperoni classici  divisi a metà
4 filetti di acciughe
1 cucchiaio di capperi
40 gr di uva sultanina
100 gr di olive snocciolate e tritate
200 gr di pangrattato
olio extravergine di oliva
prezzemolo

Fare ammorbidire l’uva sultanina in acqua tiepida.
Nel frattempo lavare i peperoni e svuotarli privandoli del torsolo e dei semi interni.

Tagliare a pezzettini i filetti di acciughe e versarli in una terrina insieme al pangrattato e a 4 cucchiai di olio.
Unire l’uva sultanina, sgocciolata e strizzata, le olive e i capperi.
Aggiungere il prezzemolo e condire con sale e pepe.
Amalgamare il composto aggiungendo olio nel caso risultasse troppo asciutto.

Riempire quindi i peperoni con l’impasto servendosi di un cucchiaino.

Ungere una teglia con un filo di olio e adagiarvi i peperoni.
Versare ancora dell’olio a filo sui peperoni prima di infornare.

Forno: 180 gradi
Tempo: 40 minuti

Questo piatto si presta ad essere servito sia caldo che freddo.

 

Regola numero 1: costanza

Bhe.. se vogliamo ripartire con un po’ di energia bisognerà pur iniziare ad aggiungere un po’ di ricette, no?

Ecco allora un altro dolce semplice, assolutamente testato e.. sofficissimo!

Plumcake al caffè

 

Ingredienti:
100 gr di burro
2 uova
150 gr di zucchero
1 tazzina di caffè
300 gr di farina
1 bustina di lievito
1 bicchiere di latte
sale

Per la glassa:
100 gr di zucchero a velo
2 cucchiai circa di acqua

Sciogliere a bagnomaria il burro e lasciare raffreddare.
Lavorare i tuorli con lo zucchero fino a ottenere un composto spumoso.
Aggiungere il burro, la tazzina di caffè, il latte e mescolare.
Unire quindi la farina, il lievito e un pizzico di sale.
Mescolare fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo.

Versare in uno stampo da plumcake o a ciambella.

Forno: 200 gradi
Tempo: 30 minuti

Una volta freddo il dolce può essere guarnito con una glassa di zucchero.
Per prepararla è sufficiente mescolare in una ciotola lo zucchero a velo e i 2 cucchiai di acqua.
Il composto deve raggiungere una consistenza quasi cremosa e non troppo liquida. Se fosse necessario è possibile aggiungere altra acqua.
Versare quindi la glassa sul plumcake partendo dal centro e facendola scendere verso l’esterno con il dorso di un cucchiaio o una spatola.
Lasciare quindi asciugare la glassa per un’ora circa.

I brownies del ritorno

Incredibile.. dopo innumerevoli (e soprattutto vani) tentativi di rifarsi un look, Pastacrolla si è finalmente decisa a tornare (e non è un pesce d’aprile)! 

Abbandonando qualsiasi velleità di raggiungere lo stile essenziale, stiloso, semplice ma anche gourmant della maggior parte dei food blog italiani…

mettendo da parte le istruzioni della raffinatissima macchina fotografica professionale con cui pensavo di trasformarmi in un’artistica food photographer…

ho strategicamente deciso di tornare agli elementi essenziali di questo blog (che speriamo almeno loro non mi tradiscano): le ricette

Inauguriamo allora questo nuovo inizio con la ricetta simbolo del mio cambio vita

Brownies al cioccolato


125 gr di burro
150 gr di zucchero
3 uova
70 gr di farina
200 gr di cioccolato fondente
150 gr di gherigli di noce


Fare fondere il burro.
Nel frattempo fondere anche il cioccolato a bagno maria.
In una terrina mescolare il burro fuso con lo zucchero. Aggiungere quindi le uova ed infine la farina.
Mescolare fino ad ottenere un impasto omogeneo e senza grumi.
Tritare grossolanamente i gherigli di noce ed aggiungerli all’impasto.
Aggiungere infine il cioccolato fuso e mescolare.

Imburrare una teglia rettangolare lunga circa 20 cm e versare il composto.

Forno: 150 gradi
Tempo: 30 minuti

Lasciare raffreddare e tagliare a quadretti