Trancetti vegan alla banana e cocco

Barrette cocco e banana

Ed ecco un’altra delle mie ricette.. “senza”.

Senza uova, senza latticini, senza burro, senza nemmeno l’olio.
Ma allora cosa c’è, vi chiederete voi?

Bhe, innanzitutto ci sono le banane. E poi ancora banane, banane e.. banane! (quattro, per l’esattezza).
Insomma, per apprezzare queste barrette non dovete odiare questo frutto così dolce e cremoso che per trasformarsi in dessert non ha bisogno di molto altro. Tranne che un po’ di zucchero, acqua e.. farina (sì perchè se non altro questa ricetta non è gluten-free).

Insomma è una ricetta molto semplice ed altrettanto leggera, adatta al buco nello stomaco di metà mattina, soprattutto se siete in ufficio, avete finito le monete per i distributori automatici di schifezze e.. non avete altro da mettere sotto i denti!

Scherzo, i colleghi a cui è stato sottoposto l’esperimento sembrano avere apprezzato.. ma forse sono stati solo molto gentili, e affamati 🙂

Trancetti vegan alla banana e cocco

Barrette cocco e banana

Ingredienti:

240 gr di farina
4 banane mature
100 gr di zucchero di canna
60 ml di acqua
3 cucchiai di noce di cocco essiccata
un cucchiaio di lievito per dolci
1/2 cucchiaino di sale
un baccello di vaniglia

Sbucciare le banane e frullarle fino ad ottenere una crema molto fine. Aggiungere l’acqua e i semi del baccello di vaniglia e continuare a frullare.
Incorporare quindi al composto lo zucchero, la farina, il lievito e il sale. Mescolare.

Versare l’impasto in una teglia quadrata di 22 x 22 cm rivestita di carta da forno. Spolverare con la noce di cocco e infornare.

Forno: 180 gradi

Tempo: 45 minuti o fino a che il dolce non sia dorato.

Lasciare raffreddare e tagliare.

 

Happy Birthday to me

Biscottini marmorizzati

E’ passato già qualche giorno da quando sono invecchiata ma in questi casi ogni giorno guadagnato è un vantaggio ed è assolutamente lecito 🙂

E quindi, con una decina di giorni di ritardo, ecco la ricetta dei biscottini che hanno affollato lo sweet table preparato ad hoc in ufficio per festeggiare ben due compleanni simultanei!

Come ho già detto in questo post a proposito della torta di mele, il retro delle bustine di zucchero a velo costituisce per me una fonte inesauribile, ma soprattutto infallibile, di ricette dolci.

Ed ecco allora la ricetta di questi biscottini che avevo ritagliato e conservato da tempo in attesa di provarla.

Si tratta di biscottini molto semplici ma proprio per questo adatti a tutte le occasioni. Per la colazione ma anche per il the del pomeriggio, per una festa di compleanno o da regalare agli amici.

Biscottini marmorizzati

Ingredienti:

375 gr di farina
125 gr di zucchero a velo
1 uovo ed 1 tuorlo
200 gr di burro
mezza bustina di lievito
20 gr di cacao amaro
1 pizzico di sale

Setacciare e mescolare la farina e lo zucchero a velo. Aggiungere l’uovo, il tuorlo, il burro freddo a pezzetti, il lievito e una presa di sale.
Impastare tutto rapidamente fino ad ottenere un impasto liscio e morbido.
Dividere l’impasto in due parti e incorporare a una delle due il cacao setacciato. Impastare fino ad ottenere un colore omogeneo.
Impastare quindi delicatamente la metà di impasto scura con quella chiara. Non è necessario impastare troppo, altrimenti le striature diventeranno poco visibili.

Formare tre rotoli lunghi circa 30 cm e metterli in frigo per almeno un’ora.
Quando si saranno induriti, tagliarli a fette spesse circa 5mm.
Disporre i biscotti su una teglia rivestita di carta da forno e infornare.

Forno: 190 – 200 gradi
Tempo: 8-10 minuti

 

Carnevale last minute

Chiacchiere al forno

Ok sono praticamente fuori tempo massimo ma questa ricetta secondo me merita davvero. Tanto che è stata fatta e postata nel giro di qualche ora (non guardate la foto però che a quest’ora luce e stanchezza sono quelle che sono..)

E poi, lo avevo detto proprio nel post di ieri che le chiacchiere fanno parte della top ten dei miei dolci preferiti e che prima o poi avrei dedicato loro un post.

Questa però non è la ricetta classica, quella che fa mia mamma, che faceva mia nonna e che in realtà è merito di una non meglio identificata signora Elsa di cui non so praticamente nulla tranne la sua citazione nel quaderno di ricette di famiglia alla voce “le chiacchiere della Elsa”.

Questa invece è una ricetta scoperta per caso ieri in questo articolo e che, a un giorno dal termine del carnevale, ho voluto sperimentare con non poche soddisfazioni.

Si tratta delle chiacchiere al forno, quelle che negli ultimi anni hanno invaso supermercati e panettterie nascondendo, dietro l’apparente leggerezza, pessimi oli di palma e fritture segrete (già perchè la maggior parte, prima di essere passate al forno, vengono fritte! leggete bene le etichette, se vi viene la tentazione di buttarle nel carrello..)

Queste invece, con mia grande sorpresa, sono davvero cotte al forno! E con soli 25 miseri grammi di burro si possono sfornare chiacchiere per l’intera famiglia.
Ma che salutare goduria!
Persino Marco Bianchi sarebbe fiero di me 🙂

Le chiacchiere al forno

Ingredienti

250 gr di farina 00
20 gr di zucchero semolato
25 gr di burro ammorbidito
2 uova
3 cucchiai di Marsala
1/2 limone non trattato
1/2 bustina di lievito per dolci
zucchero a velo
un pizzico di sale

Disporre sul piano di lavoro la farina a fontana con lo zucchero, il lievito e un pizzico di sale.
Porre al centro le uova, il burro, il marsala e la scorza grattugiata di mezzo limone.
Impastare fino ad ottenere una palla liscia.

Avvolgere l’impasto nella pellicola e lasciare riposare per almeno 30 minuti.

Dividere l’impasto in circa sei parti, infarinarle e passarle tra i rulli della macchina per stendere la pasta. Partire con la tacca più larga ed arrivare alla penultima tacca.
Con la rotella dentellata ricavare da ciascuna striscia di sfoglia dei rettangoli di circa 6cm x 10cm. Su ciascun rettangolo praticare due tagli all’interno, parallelamente al lato più lungo.

Disporre le chiacchiere su teglie rivestite di carta da forno e infornare.
E’ possibile cuocere più placche contemporaneamente con il forno ventilato ma sarà comunque necessario prevedere più infornate.

Forno: 180 gradi
Tempo: 10 minuti o fino a quando non saranno dorate

Sfornare, disporre su un piatto da portata e cospargere di zucchero a velo.

Semplicezza e sofficità: un buon augurio per il mese di marzo

Torta al latte caldo

Il mese di marzo mi è sempre piaciuto. Innanzitutto è il mese del mio compleanno e già questo basta a renderlo una festa nonstante gli anni che passano. Ma è anche il mese della primavera, il mese in cui il freddo dovrebbe andare via (dovrebbe, perchè poi di solito a marzo arriva la neve, la pioggia e altre fantasiose perturbazioni), quello in cui le vetrine si riempiono di colori e spesso anche il mese del carnevale con le sue montagne di zucchero a velo a cospargere chili di chiacchiere.

Purtroppo questo post  non è dedicato alle chiacchiere (bugie, frappe, cenci o come altro le chiamate dalle vostre parti) perchè quest’anno mi sono distratta e il carnevale mi è già quasi sfuggito di mano senza che sia riuscita a metterle in produzione. Anche se prima o poi, considerato che sono nella top ten dei miei dolci preferiti, dovrò senza dubbio dedicare loro un post.

E’ invece un post molto più semplice, con una ricetta forse banale ma che si addice proprio a questo periodo. Il mese di marzo, in cui le cose importanti vengono fuori sul resto, in cui il tempo per me si riduce e torno a fare poche cose ma quelle che mi piacciono, torno a scegliere, a centellinare i minuti, ma proprio per questo a renderli molto più preziosi.

E’ un bell’inizio insomma, e una torta leggera, soffice come una nuvola, versatile come le mie giornate, è proprio quello che ci vuole.

E’ una ricetta tratta dal blog de La ciliegina sulla torta che ho scoperto di recente e che mi è subito piaciuta. E’ buona da sola ma è perfetta soprattutto per essere farcita, accompagnata da una crema o da una marmellata. Io l’ho provata con more e crema pasticcera. Da ripetere…

Torta al latte caldo (Hot Milk Sponge Cake)

Ingredienti:

120 gr di latte
60 gr di burro
165 gr di farina
6 gr di lievito per dolci
165 gr di zucchero
3 uova  a temperatura ambiente
1 bustina di vanillina
un pizzico di sale

Setacciare per due volte la farina con il lievito e il sale.
Nel frattempo scaldare in un pentolino il latte e il burro fino a quando il burro sarà del tutto sciolto.
Montare per circa un minuto le uova con le fruste elettriche o con la planetaria, aggiungere quindi lo zucchero a più riprese e continuare a montare per una decina di minuti: la massa deve triplicare il suo volume e risultare chiara e spumosa.

Incorporare quindi delicatamente la farina, con movimenti dal basso verso l’alto.

Scaldare nuovamente il latte con il burro e, prima che raggiunga il bollore, versarlo nel composto incorporandolo molto delicatamente con una spatola.

Rivestire con carta da forno uno stampo di 20-22 cm (io l’ho usato più grande e per i miei gusti è venuta  un po’ troppo bassa). Versare il composto e infornare.

Forno: 175 gradi
Tempo: 25-30 minuti