Arriva il Natale.. si fa il torrone!

Torrone

Arrivati al 21 di dicembre direi che è opportuno – oltre che inevitabile – mettere da parte qualsiasi proposito dietetico e abbandonarsi alla cucina delle feste.

E come ogni anno in casa Pastacrolla le feste si inaugurano con la ricetta della tradizione per eccellenza: il torrone!

E così ieri sera ben tre generazioni (l’ultima, ammettiamolo, piuttosto inutile..) si sono dedicate alla preparazione del torrone.

Non mi dilungo sulla ricetta vera e propria del torrone, che potete trovare in questo vecchio post, ma in un suo “derivato” che si presta benissimo ai menu delle feste, magari affogato in un caffè caldo: il gelato al torroncino.

L’unico accorgimento che però ci tengo a darvi, se volete cimentarvi con la ricetta del torrone vero e proprio, è che se siete donne dovete ahimè armarvi di almeno un paio di maschioni. Già, perchè la fase finale delle tre – dico tre – ore di cottura, è così tosta (e maschilista, diciamolo) da escludere le donne.
O almeno, le donne di oggi.  Già perchè in realtà ho scoperto che la nonna affrontava da sola l’intera preparazione. Ah, le donne di una volta…

Gelato al Torroncino

Gelato al torrone

Ingredienti:

70 gr di torrone
2,5 dl di panna
2,5 dl di di latte
130 gr di zucchero
1 cucchiaio di Cognac o di Rhum

In un pentolino scaldare il latte, la panna e lo zucchero mescolando fino a quando lo zucchero sarà completamente sciolto.
Togliere dal fuoco e lasciare raffreddare mescolando spesso per evitare che si formi la pellicola in superficie.
Una volta raffreddato, aggiungere il liquore e mescolare.

Versare il composto nella gelatiera e programmare secondo le istruzioni.

Nel frattempo tritare finemente il torrone con il mixer. Unire al composto nella gelatiera un minuto prima del termine della lavorazione.

Distribuire il gelato in coppette e servire (nel mio caso ho spolverato con polvere di pistacchi).

Gelato al torrone

Annunci

Il mio gelato (anzi sorbetto) festival

Sorbetto alle fragole e menta

Qualche settimana fa è passato da Milano il Gelato Festival, la manifestazione che festeggia quell’invenzione geniale, che dall’idea di un gelato racchiuso tra due cialde è arrivata alla moderna forma del cono da passeggio.

Per contribuire personalmente alle celebrazioni ho pensato di inaugurare  un Gelato Festival tutto casalingo ovvero: come ogni anno, nelle settimane più calde dell’anno, la gelatiera è tornata a troneggiare sul tavolo della cucina, posto d’onore a lei riservato (davvero d’onore, perchè uno dei due commensali a questo punto si riduce a cenare in soli 20 cm quadrati di tavolo) in mancanza di altri spazi disponibili (potevo provare anche sulla lavatrice in bagno ma non mi sembrava il caso).

E una volta che ti trovi una gelatiera in bella vista in cucina cosa fai? Ovviamente ci butti dentro qualsiasi frutto ti passi per le mani.
Sì perchè ancora più che di gelati noi la gelatiera la ammazziamo di sorbetti.

Come raccontavo qualche post fa, ci sono alcune cose che io mangio solo se fatte in casa: il sorbetto è uno di questi.

Mentre per strada disprezzo chiunque ordini un cono da passeggio alla fragola, a casa vado in visibilio per quella magia che in soli 30 minuti trasforma un banale frullato in un cremosissimo sorbetto di frutta.

Questa volta, complice anche la menta rigogliosa sul balcone (che in realtà fa solo da decorazione), sono andata su un classico, una garanzia per la merenda della domenica pomeriggio.

Sorbetto alle fragole e menta

Sorbetto alle fragole e menta

Ingredienti

350 gr di fargole
il succo di mezzo limone
125 gr di zucchero
1/2 albume
1,5 dl di acqua
foglie di menta

Versare in un pentolino 1,5 dl di acqua con lo zucchero e portare ad ebollizione. Fare bollire per 4-5 minuti mescolando fino a quando lo zucchero si sarà sciolto. Lasciare quindi raffreddare lo sciroppo.

Lavare e pulire le fragole. Inserirle nel frullatore insieme al succo del limone e frullare brevemente.

Aggiungere lo sciroppo ormai raffreddato e amalgamare.

Versare il composto nella gelatiera e programmare la macchina secondo le istruzioni. A metà del tempo necessario alla preparazione aggiungere mezzo albume montato a neve per rendere il sorbetto ancora più cremoso.

Decorare con ciuffetti di foglie di menta precedentemente lavati. Servire.