Biscotti di pastafrolla

IMG_4657

E succede che un giorno, per caso, la maestra (quella vera) ti chiede di partecipare a un laboratorio,  e tu distrattamente accetti, e ti ritrovi alla scuola materna a fare la maestra.. di biscotti, per fortuna!

Ma è allenandoti per il grande giorno che scopri finalmente la ricetta perfetta, dei biscotti che si sciolgono in bocca, e prendono forma tra le mani dei bambini.

Una magia da provare, insomma 🙂

Ingredienti:

400gr di farina
200gr di burro
150gr di zucchero
2 uova
1 bustina di vanillina
1 pizzico di sale
1 pizzico di lievito

704d57b6-d38e-4013-a9f8-d68d545b02fcImpastare tutti gli ingredienti fino a formare una palla. Fare riposare in frigorifero per circa 30 minuti. Stendere e ricavare i biscotti con le formine.

Forno: 180 gradi
Tempo: 10 minuti

 

Marmellata di arance

IMG_4503

Ingredienti:

2kg di arance non trattate
1kg di zucchero
1 busta di Fruttapec 2:1

Tagliare le arance a fette spesse 1 cm, metterle in una ciotola e coprire con acqua. Lasciare riposare per 12 ore.
Quindi scolarle dall’acqua, metterle in una pentola e aggiungere lo zucchero e la pectina.  Mescolare.
Accendere il fuoco e intanto frullare grossolanamente con il frullatore a immersione.
Cuocere per circa 30 minuti, fino a quando il composto non avrà raggiunto la consistenza desiderata.

Versare nei vasetti lasciandoli capovolti per 4-5 minuti.

I love cookies

cookies_pistacchi_cioccolato_bianco

Innanzitutto: io adoro i cookies, quei biscottoni americani zeppi di pepite di cioccolato che, non so bene perché, sono ancora più buoni se acquistati nei supermercati discount di qualche marca sconosciuta.
La colpa di questa ricetta sta in realtá in una nuova linea di cookies lanciati in questo caso da una nota marca lilla. Ahimé il supermercato sotto casa li ha messi subito in offerta, proprio in quegli scaffali che ti fissano dritto negli occhi, e in pochi giorni ne sono diventata dipendente.
Peccato aver poi scoperto le calorie del singolo cookie: cen-to-quin-di-ci.
Ho quindi distolto lo sguardo da quello scaffale (almeno per qualche giorno) e, in crisi di astinenza, ho rispolverato questa ricettina che tenevo da parte da un po’.
Che almeno, essendo fatti in casa, nessuno può mettersi a calcolare le kcal per biscotto 🙂

Questa versione é in realtá molto più chic, con cioccolato bianco e pistacchi.
Ed il risultato é sorprendente. Ancora più buoni e cioccolatosi dei cookies industriali e ancora più particolare il gusto.
E in fondo, ci scommetto, hanno anche meno calorie!

Cookies pistacchi e cioccolato bianco

cookies_pistacchi_cioccolatobianco_2


Ingredienti:

220 gr di farina
170 gr di zucchero di canna
100 gr di cioccolato bianco
60 gr di pistacchi
110 gr di burro
1 uovo
1 bustina di vanillina
1/2 cucchiaino di lievito per dolci
1/2 cucchiaino di bicarbonato
1/2 cucchiaino di sale

Sbattere il burro con lo zucchero fino ad ottenere una crema. Aggiungere quindi l’uovo e la vanillina e mescolare. Unire quindi la farina, il lievito, il bicarbonato e il sale. Amalgamare il tutto.
Tritare grossolanamente i pistacchi e il cioccolato bianco ed unirli al composto.

Rivestire due teglie con la carta forno. Staccare delle cucchiaiate di composto e formare delle palline delle dimensioni di una noce. Posarle sulla teglia e schiacciarle aiutandosi con il fondo di un bicchiere infarinato per ottenere dei dischi di circa 1cm di spessore. Lasciare un po’ di distanza tra un biscotto e l’altro per evitare che si attacchino tra loro durante la cottura.

Forno: 150 gradi
Tempo: 15-20 minuti

Un mese.. di dolcezza

Luci_foodblogger

Quand’é che la golositá raggiunge livelli che possiamo definire patologici?

Probabilmente quando, nel primo mese di vita del proprio esserino, dopo notti insonni passate a cantare ninna nanne, attivare carillon, mettere il ciuccio, togliere il ciuccio, dondolare avanti e indietro, si trova comunque il tempo per sfornare qualche dolcezza (culinaria, questa volta)

Ed é cosi che per consolarmi dalle fatiche del primo mese di allattamento mi sono buttata sul dolce. Non solo cucinandolo, ovviamente 🙂
Dopotutto, dopo aver passato un paio d’ore in piena notte a cantare ninna nanna ninna oh cosa c’é di meglio, come premio, di una tazza di latte e una fetta di plumcake nella penombra della propria cucina mentre il mondo fuori dorme beato?

Ecco allora la ricetta provata in questi giorni.  Ce ne sono state altre, in realtá, ma almeno lí ho avuto la clemenza di non tirar fuori cavalletto e macchina fotografica per immortalare la creazione.

Questo plumcake invece meritava.

È un dolce tipico lombardo, credo del varesotto, con un impasto originale e croccantino perché arricchito da farina di mais e mandorle in polvere.

Amor polenta

Amor polenta

Ingredienti

100 gr di farina di mais fioretto
80 gr di farina 00
100 gr di burro
2 uova
120 gr di zucchero
70 gr di mandorle tritate
1 bustina di vanillina
1/2 bustina di lievito per dolci
1 bicchierino di Rhum

Sbattere i tuorli con il burro e lo zucchero fino ad ottenere un composto omogeneo.
Aggiungere quindi le due farine mescolate con il lievito e la vanillina.
Mescolare e aggiungere le mandorle finemente tritate e il Rhum.
Imburrare uno stampo da Plumcake e versare il composto.

Forno: 180 gradi
Tempo: 40 minuti

Fare raffreddare e servire spolverizzato con zucchero a velo.

Incredibile ma vero.. i croissants

croissants_vassoio_2

Questa è LA ricetta per eccellenza, una di quelle ricette per cui vale la pena mollare tutto, scendere a comprare un panetto di burro e dedicare un po’ di tempo (che non è poi tanto, è solo che richiede di stare nei paraggi di casa per un pochino) alla sua preparazione.

Perchè la soddisfazione, vi assicuro, è cosi grande che verrete ripagati dalla (poca) fatica e pazienza richieste nella preparazione.
La difficoltà invece, soprattutto se avete a disposizione un robot da cucina, è praticamente nulla.

Ammetto che ultimamente – sarà la casalinghitudine forzata da qualche mese – adoro fare colazione con calma con i croissants freschi della pasticceria sotto casa nuova (mica quelli scongelati dell’autogrill eh). Ammetto anche che conoscevo la ricetta, e che, proprio per questo, ne stavo ben lontana.
Io che faccio solo ricette ultraveloci vuoi che mi metta in ballo due giorni per quattro croissants?

Mi sono ricreduta due giorni fa quando mi sono imbattuta per caso in una replica del programma di Benedetta Parodi in cui un ospite pasticcere – a cui sarò eternamente grata – spiegava in pochi minuti la preparazione del mitico croissants.
E io che ho sempre snobbato quella trasmissione! Solo adesso, ubriaca di repliche estive, ne scopro il pregio: gnocchi, croissants, pasta fatta in casa diventano improvvisamene ricette alla portata di tutti, da provare se dotati soltanto di un po’ di buona volontà.

Ed ecco quindi che anche io scendo a comprare il mio panetto di burro (tranquilli, alla fine un panetto basta per circa 25 croissants), un po’ di lievito fresco e mi metto all’opera.

Altro che Masterchef altezzosi da cui si impara a malapena cosa sia un quasi inutile coppapasta…

I croissants

croissants_vassoio_doppia

Ingredienti (per circa 25 croissants)

300 gr di burro
525 gr di farina
20 gr di lievito di birra fresco
125 gr di acqua tiepida
75 gr di zucchero di canna
3 uova
7 gr di sale

1 uovo + zucchero semolato per spennellare

Impastare 250 gr di burro freddo tagliato a pezzetti con 25 gr di farina. Formare quindi un panetto e riporlo a riposare in frigorifero.

Sciogliere il lievito di birra nell’acqua tiepida. Impastare quindi la farina rimanente (500 gr) con l’acqua e il lievito e aggiungere, sempre mescolando, lo zucchero,  i 50 gr di burro rimasti e il sale. Unire quindi, una per volta e sempre mescolando, le uova.

Ecco, a questo punto la ricetta ufficiale e molti altri blog sull’argomento indicano di lavorare l’impasto per almeno mezz’ora altrimenti – terrore! – tutti i vostri sforzi saranno vani.
Poichè dopo 10 minuti scarsi io ho sentito una netta puzza di bruciato e del fumo sottile ha iniziato ad uscire dal mio robot da cucina,  mi sono fermata un po’ prima 🙂
Ma vi assicuro che il risultato è stato comunque ottimo!
Quindi regolatevi voi in base alla potenza del vostro robot da cucina o, se siete ancora più fortunati, della vostra planetaria.

L’impasto finale risulterà morbido e piuttosto colloso. Formare una palla aiutandosi eventualmente con un po’ di farina e porre in frigo, coperto dalla pellicola, a riposare per una notte.

Per il procedimento successivo provo a riassumere velocemente, ma vi assicuro che se guardate il video della puntata qui sotto capite tutto molto più velocemente. E’ semplicissimo!

Tirare fuori il panetto di burro dal frigo e stenderlo con il mattarello a uno spessore di circa 5-7 mm.
Tirare fuori dal frigo l’impasto lievitato e stendere formando un rettangolo dello stesso spessore.
Inserire il panetto di burro al centro del rettangolo di pasta e ripiegare i lati della pasta a portafoglio in modo da richiudere il burro al centro.
Stendere quindi la sfoglia così formata con il mattarelloe ripiegarla in tre (guardate il video – è molto più facile da vedere che da spiegare!)

croissants_sfoglia

Mettere quindi l’impasto in frigorifero e fare riposare per 15 minuti.

Ripetere l’ultimo passo del procedimento (stendere impasto e piegarlo in tre) per altre due volte ogni 15 minuti.

Dopo gli ultimi 15 minuti di riposo tirare fuori l’impasto dal frigo e stenderlo formando un rettangolo di circa 5-7 mm di spessore.

Con una rotella da pizza ritagliare quindi dei triangoli.

Arrotolare ciascun triangolo partendo dalla base e stando attenti a lasciare la punta rivolta verso il basso in modo che non si apra durante la cottura. Ripiegare gli angolo in modo da dare la tipica curvatura del croissant.

croissants_crudi

A questo punto è possibile:

– procedere con la lievitazione finale e la cottura

oppure

– congelare i croissants per consumarli in seguito. Sarà sufficiente scongelarli circa 6 ore prima in modo da farli lievitare e quindi cuocerli.

Se non si resiste (io ne ho congelati sei mentre gli altri sono stati cotti e mangiati nel giro di 24 ore..) e si vogliono gustare subito, è sufficiente fare lievitare i croissants così ottenuti per circa 2 ore – 2 ore e mezza. Il loro volume triplicherà.

A lievitazione ultimata spennellare con un uovo sbattuto e spolverare con zucchero semolato.

Forno: 180-190°

Tempo: 15-20 minuti

croissants_doppia2