#Crackersncheese: crackers all’acqua con pepe e parmigiano

Crackers all'acqua con pepe e parmigiano

Ecco tornato il sole.
Ed eccomi di nuovo con una ricetta da aperitivo, brunch o merenda – anche se un po’ pepata – di metà mattina.

Ancora una volta, incredibile ma vero per il mio blog, si tratta di una ricetta salata.

No, NON sono di nuovo incinta (ma siamo pazzi!?!?!? ogni volta che vedo in giro una futura mamma sorridente vorrei guardarla dritta nella pancia e dirle.. “che ti ridi?? non sai cosa ti aspetta…”)

Piuttosto è che, come vi dicevo qualche post fa, mi hanno regalato questo libro sui crackers di cui mi sono letteralmente innamorata.

Ed è anche che, improvvisamente, i colleghi dell’ufficio a più alta densità demografica d’Italia si sono scoperti amanti del salato ed hanno iniziato (in parte eh) a snobbare dolci e dolcetti che periodicamente si affacciavano in ufficio.

Così mi sono dedicata a sperimentare ricette salate che ultimamente, un po’ per caso un po’ no, hanno un comune denominatore: il pepe!

Forse perchè è un ingrediente che si ha sempre in casa, o forse perchè, lo ammetto, trovo che il piccante e il pepato siano una delle cose più divertenti in cucina. Fatto sta che, con o senza pepe, questi sono i crackers più semplici, veloci e leggeri che ci siano in circolazione.

Crackers all’acqua con pepe e parmigiano

Crackers all'acqua con pepe e parmigiano

Ingredienti:

240 gr di farina
1 cucchiaino scarso di sale marino o fleur de sel
4 cucchiai e 1/2 di olio extravergine di oliva
60 gr di parmigiano grattugiato
1 cucchiaino di pepe nero macinato (la ricetta originale ne prevedeva tre ma vengono davvero troooppo pepati!)
circa 9 cucchiai di acqua tiepida

Mescolare farina e sale in una ciotola, aggiungere il parmigiano e il pepe e mescolare. Unire quindi l’olio e l’acqua. Impastare con cura fino ad ottenere una pasta liscia e morbida.

Mettere la pasta su un piano di lavoro leggermente infarinato ed impastare per 5 minuti.

Stendere a uno spessore di 5 mm, piegare in due una prima volta, poi una seconda. Questo permette di ottenere una sfoglia croccante e friabile.
Stendere ancora la pasta a uno spessore di 2-3 mm.

Con una formina per biscotti rotonda o un bicchiere ricavare dei crackers rorondi e disporli su una teglia rivestita di carta da forno.

Bucherellare i crackers con una forchetta, spennellarli di acqua e spolverizzarli con cristalli di sale premendo leggermente sulla superficie.

Forno: 180 gradi
Tempo: 10 minuti o fino a quando i crackers saranno dorati

 

Annunci

I colori dell’autunno: viola

Dopo l’arancio, ecco un altro colore autunnale che ravviva tante ricette di questo periodo.
É il colore del radicchio, ma anche delle barbabietole, delle cipolle di Tropea e dei fichi. É anche il colore di more e mirtilli ma questi appartengono ahimé ad un’altra – ben più solare – stagione 🙂

Questa ricetta, dal colore molto autunnale, è tratta da uno degli ultimi D di Repubblica  ed è il tipico piatto a cui mi sto dedicando in questo periodo pre-festivo. Leggero ma anche gustoso (che non possiamo mica andare avanti a bistecche ai ferri per prepararci alle feste..) e soprattutto originale. Io l’ho provato con una piccola variante: al posto della trevisana prevista dalla ricetta originale ho usato il radicchio di Treviso.

Fusilli integrali al pesto di radicchio

Fusilli integrali al pesto di radicchio

Ingredienti (per 4 persone):
320 gr di fusilli integrali
3 cespi di radicchio di Treviso
3 pomodori secchi
10 nocciole
1 cucchiaio di parmigiano grattugiato
mezzo bicchiere di olio extravergine di oliva
timo
sale
pepe

Tagliare i cespi di radicchio in due per il lungo. Lavarli e disporli su una teglia rivestita di carta da forno. Irrorare con un filo di olio, salare e pepare. Infornare a 180° per circa 10 minuti. Sfornare e lasciare raffreddare.

Raccogliere nel bicchiere del frullatore il radicchio tagliato a pezzetti, le nocciole, i pomodori secchi, il timo e l’olio. Aggiungere un pizzico di sale e di pepe.
Frullare, quindi aggiungere il parmigiano grattugiato e frullare ancora fino ad ottenere una crema.

Cuocere la pasta in abbondante acqua salata e condire con il pesto. Servire subito.

Farro invernale

Tortino di spinaci e farro

E’ ufficiale: l’invero – quello vero – stavolta è arrivato e dalla scorsa settimana siamo alle prese con la preparazione del letargo ufficiale.

Ovvero: litri di tisane serali, mega trapunta per la notte di noi umani e attrezzatura praticamente da sci per le piante del balcone.

Oltre a questo le domeniche si sono fatte leggermente più pigre, di quelle che la sera esci a cena e, con il naso istantaneamente congelato, ti rendi conto di non avere ancora messo piede fuori da casa (cosa per me rarissima, sintomo quasi sicuro di influenza o depressione incipiente).

A parte la stranezza, queste domeniche inspiegabilmente casalinghe sono state fonte di un sacco di esperimenti culinari e ancora più rischiosi tentativi fotografici.

I vincitori, ovviamente, sono pochissimi. Ma alcune ricette si sono salvate e hanno superato l’esame.

Tra una torta sgonfiatissima e un pesce rimasto crudo dopo ore di pentola a pressione, questi tortini di farro, inspiegabilmente, ce l’hanno fatta!

Se anche voi vi chiedete cosa fare in pieno inverno di un sacchettino di farro perlato sopravvissuto in dispensa e non avete voglia di un’insalatona gelata a dicembre, questa ricetta fa decisamente per voi.

Tortini di spinaci e farro

Tortino farro spinaci

Ingredienti per circa 6-7 tortini:
500 gr di spinaci freschi
200 gr di farro
50 gr di parmigiano
2 uova
olio
sale e pepe

Lavare gli spinaci e sbollentarli in acqua bollente per circa 2 minuti. Bollire separatamente in acqua salata anche il farro per circa 20 minuti e scolare.
Tagliare a pezzetti gli spinaci e mescolarsi insieme al farro in una ciotola. Aggiungere le due uova, il parmigiano e un filo di olio. Salare e pepare.
Amalgamare bene il tutto e versare il composto negli stampini (quelli da cupcake o muffin vanno benissimo) dopo averli imburrati e impanati.

Forno: 180°
Tempo: 10 minuti

Sfornare e servire con un filo di olio oppure, come ho fatto io, su una cialda di parmigiano croccante 🙂

Se volete rendere la ricetta più ricca potete aggiungere al composto una mozzarella a cubetti.