Ancora cake, ma questa volta salato

Cake salato pomodori secchi e feta

Nell’ultimo periodo mi sono appassionata alle ricette – ma non solo – del blog di ficoeuva, una coppia, anzi un’intera famiglia, molto simpatica che ho avuto la fortuna di conoscere qualche mese fa quando, ancora panzuta, mi aggiravo arrotondata tra gli stand del Cake Design Italian Festival.
Dicevo che mi sono appassionata al loro blog, scoperto proprio in quell’occasione, perché oltre a distinguersi per le foto di altissima qualitá, propone sempre delle ricette semplici ma molto originali e che sposano in pieno i miei gusti.
Saranno le foto, sará la fantasia nel comporle, saranno gli ingredienti sempre di stagione, fatto sta che quando vedo una loro ricetta faccio quello che ogni sano food blog dovrebbe generare. Afferro il post it con la lista della spesa ed inizio ad aggiungere. Farina, uova, pomodorini: tutto quello che serve per provare la ricetta del giorno!

L’ultima che ho provato é questo plumcake salato che mi ha fatto subito innamorare. Perfetto per accompagnare un piatto di formaggi freschi, degli affettati o una ricca insalata. L’unica variazione che ho fatto é stata quella di ridurre la quantitá di pomodori secchi per renderlo un po’ meno saporito.

Cake salato con pomodori secchi e feta

Cake salato con pomodori secchi e feta

Ingredienti:

100 gr di pomodori secchi
200 gr di feta
3 uova
10 cc di latte
200 gr di farina 00
basilico
1 bustina di lievito per torte salate (non il lievito di birra)
4 cucchiai di olio extravergine di oliva

Lavare le foglie di basilico (una decina) e spezzettarle.
Tagliare a piccoli pezzi i pomodori secchi e la feta.
Preparare l’impasto mescolando le uova con l’olio e il latte. Aggiungere quindi la farina mescolata con il lievito. Salare (senza esagerare perché i pomodori secchi lo renderanno piuttosto saporito) e pepare.
Unire quindi i pomodori secchi tagliati a pezzetti e le foglie di basilico.
Aggiungere 3/4 della feta e mescolare.

Rivestire uno stampo da plumcake con della carta da forno e versarvi il composto. Cospargere la superficie con la feta rimasta e infornare.

Forno: 180 gradi
Tempo: 40 minuti

Annunci

Un mese.. di dolcezza

Luci_foodblogger

Quand’é che la golositá raggiunge livelli che possiamo definire patologici?

Probabilmente quando, nel primo mese di vita del proprio esserino, dopo notti insonni passate a cantare ninna nanne, attivare carillon, mettere il ciuccio, togliere il ciuccio, dondolare avanti e indietro, si trova comunque il tempo per sfornare qualche dolcezza (culinaria, questa volta)

Ed é cosi che per consolarmi dalle fatiche del primo mese di allattamento mi sono buttata sul dolce. Non solo cucinandolo, ovviamente 🙂
Dopotutto, dopo aver passato un paio d’ore in piena notte a cantare ninna nanna ninna oh cosa c’é di meglio, come premio, di una tazza di latte e una fetta di plumcake nella penombra della propria cucina mentre il mondo fuori dorme beato?

Ecco allora la ricetta provata in questi giorni.  Ce ne sono state altre, in realtá, ma almeno lí ho avuto la clemenza di non tirar fuori cavalletto e macchina fotografica per immortalare la creazione.

Questo plumcake invece meritava.

È un dolce tipico lombardo, credo del varesotto, con un impasto originale e croccantino perché arricchito da farina di mais e mandorle in polvere.

Amor polenta

Amor polenta

Ingredienti

100 gr di farina di mais fioretto
80 gr di farina 00
100 gr di burro
2 uova
120 gr di zucchero
70 gr di mandorle tritate
1 bustina di vanillina
1/2 bustina di lievito per dolci
1 bicchierino di Rhum

Sbattere i tuorli con il burro e lo zucchero fino ad ottenere un composto omogeneo.
Aggiungere quindi le due farine mescolate con il lievito e la vanillina.
Mescolare e aggiungere le mandorle finemente tritate e il Rhum.
Imburrare uno stampo da Plumcake e versare il composto.

Forno: 180 gradi
Tempo: 40 minuti

Fare raffreddare e servire spolverizzato con zucchero a velo.

Bio, light e addirittura integrale

cake_prugne_integrale

Per bilanciare la burrosità delle ultime ricette questa volta vi propongo non solo una ricetta light ma anche bio e assolutamente sanissima.

Una di quelle torte insomma che si cucinano per la colazione per potersi mettere la coscienza a posto quando dopo due mattine ne è rimasta solo metà.

Potrei anche soprannominarla torta Activia, e leggendo gli ingredienti capirete velocemente il perchè 🙂

Cake integrale alle prugne

Ingredienti:
200 gr di prugne secche
150 gr di farina di frumento integrale biologica
50 gr di burro o di olio
1 uovo
3 cucchiai di miele
1 bicchiere e mezzo di latte
1 bustina di vanillina
1/2 bustina di lievito
sale

Snocciolare e tritare le prugne grossolanamente. Impastare la farina con un pizzico di sale, l’uovo, il miele, il burro tagliato a pezzetti (o l’olio), la vanillina, il lievito e il latte fino ad ottenere un impasto liscio e morbido. Se l’impasto risulta ancora troppo denso o appiccicoso aggiungere del latte.
Incorporare quindi le prugne tagliate a pezzetti e versare il composto in uno stampo per plumcake imburrato o rivestito di carta da forno.

Forno: 190°
Tempo: 45 minuti circa

Purchè sia Vintage

Mini vintage plumcake

Non c’è niente da fare, il vintage è il trend della stagione autunno-inverno 2013 e noi non possiamo certo tirarci indietro.

E così, dopo un inutile corso di Fotografia (inutile per l’allieva, mica il corso in sè) e qualche ora a cercar di capire il funzionamento di Lightroom, Pastacrolla torna finalmente a scrivere ricette di cose dolci e golose, che almeno su quelle si sente vagamente un’esperta.

Il vintage di questa ricetta non sta ovviamente negli ingredienti, come qualcuno malignamente ha insinuato, ma nel contenitore. Recuperati a una fiera che sembrava vecchia e in realtà era moolto vintage, questi pirottini (ma sarebbe molto meglio dire “Baking cases”) mi hanno fatto subito innamorare.

Ed ecco qui anche la ricetta.

I Baking cases vintage li potete trovare anche qui

La ricetta invece è tratta da questo libro che ultimamente adoro

Mini vintage plumcake (all’uva sultanina e zenzero)

Mini vintage plumcake

Ingredienti per circa 3 mini plumcake (o 12 cupcakes):

50 gr di radice di zenzero fresca
125 gr di burro leggermente salato
125 gr di zucchero semolato
2 uova
150 gr di farina autolievitante
1/2 cucchiaino di lievito in polvere
1 bustina di vanillina
50 gr di uva sultanina
200 gr di zucchero a velo

Spelare e grattugiare lo zenzero.
Mettere in una ciotola il burro, lo zucchero, le uova, la farina, il lievito e la vanillina.
Aggiungere lo zucchero e lavorare (a mano, con planetaria o sbattitore elettrico.. insomma, come preferite) fino ad ottenere un composto soffice e cremoso.
Aggiungere l’uva sultanina e mescolare ancora.

Riempire i pirottini con l’impasto e infornare:

Forno: 180 gradi
Tempo: 20 minuti

Preparare la glassa mescolando lo zucchero a velo con un po’ di acqua (ne bastano alcuni cucchiai) fino ad ottenere la consistenza ottimale.

Una volta raffreddati, ricoprire i mini plumcake con la glassa, aiutandosi con una spatola.